Coronavirus, Thailandia: gli elefanti dei 'camp' costretti a migrare per non morire di fame

In Thailandia l'emergenza Covid-19 sta mettendo a rischio la vita degli elefanti dei 'camp', esemplari che prima della pandemia venivano sfruttati in questi centri per divertire i turisti. Oggi, senza aiuti governativi e senza più entrate economiche, i padroni dei 'camp', i domatori e i proprietari dei pachidermi non sanno più come comprare il cibo per sfamarli. In molti decidono di rientrare nei villaggi, affrontando viaggi di centinaia di chilometri con i loro elefanti. La speranza è trovare cibo ma la siccità di questo periodo non aiuta. In loro soccorso stanno intervenendo le tante associazioni ambientaliste, che da sempre si battono contro lo sfruttamento di questi mammiferi e supportano il cambio di business dei 'camp'. L'obiettivo è trasformare questi luoghi in riserve dove gli elefanti possano vivere liberi elontano dallo sfruttamento degli uomini. Tra le iniziative messe in campo c'è quella di Save Elephant Foundation: aiuta i proprietari e domanatori di elefanti tornati nei villaggi a coltivare la frutta e la verdura di cui hanno bisogno gli animali. Un piano a lungo termine, dato che la crisi turistica non terminerà presto.

Gli altri video di Natura