Messico, trovato relitto di una nave che trasportava schiavi maya: "È la prima volta"

Gli archeologi dell’Instituto Nacional de Antropología e Historia de México (Inah) hanno studiato il relitto di un battello a vapore affondato nel 1861 nel Golfo del Messico al largo dello Yucatán, e hanno scoperto che l’imbarcazione trasportava schiavi maya a Cuba, in un’epoca in cui la tratta degli schiavi era già stata abolita da decenni in Messico. Il piroscafo era stato localizzato per la prima volta nelle profondità marine nel 2017, e solo dopo tre anni di ricerche negli archivi locali e immersioni gli studiosi sono arrivati alla conclusione che quel relitto si chiamava “La Unión” ed era impiegato nella tratta di schiavi. Notizia resa ancora più importante dal fatto che è la prima volta, spiega l’Inah, che viene rinvenuta una nave impiegata per la tratta di schiavi maya in America.

Gli altri video di Mondo