Modena, festival filosofia: Rompete le righe il genere come stereotipo

Famiglia, scuola, abbigliamento, sport e perfino il gioco. Ogni aspetto della vita è stato per secoli governato da regole, spesso non scritte, che definivano il campo per gli uomini e quello per le donne, le cose adatte alle femmine e quelle che potevano fare i maschi, imponendo ruoli e comportamenti che riducevano la libertà delle persone, in particolare delle donne. Parte da qui la mostra “Rompete le righe! Il genere come stereotipo”, la mostra documentale allestita dall’Archivio storico del Comune di Modena, in occasione del Festivalfilosofia sulla libertà, che sarà inaugurata venerdì 17 settembre alle 17.30 a Palazzo dei Musei. La mostra esplora tutti gli ambiti della vita quotidiana nei quali maggiormente si sono consolidati gli stereotipi di genere, come, per esempio, l’educazione, le colonie, il lavoro delle donne, i fatti di cronaca (spesso fatti di violenza contro le donne), le occasioni mondane, attraverso una ricca documentazione di testi, immagini, libri, articoli e pubblicità che raccontano i ruoli ma anche i passi che man mano si sono fatti verso l’emancipazione e il difficile percorso, ancora attuale, per il superamento degli stereotipi di genere. Video Diego Camola

Gli altri video di Festival filosofia sulla libertà 2021