Nome Omen, i segreti del nostro nome all'Archivio Storico di Modena

Focalizza l'attenzione sul “nome”, inteso come elemento identificativo di ciascun essere umano, la mostra “Nomen omen. Le carte delle identità”, che inaugura venerdì 13 settembre alle 18.30 all'Archivio Storico del Comune di Modena, al primo piano di Palazzo dei Musei in largo Sant’Agostino, nell’ambito del Festival filosofia sul tema “persona”. La scelta dei contenuti è coerente con la tipologia di materiali conservati in Archivio. Ad animare l’esposizione interverrà un reading di Ugo Cornia in tre repliche (sabato 14 settembre alle 18, 18.45 e 19.30). Lo scrittore modenese legge un suo racconto sul potere del soprannome, scritto per l'occasione, con aneddoti autobiografici. Il titolo è “Scutmài. Nomi, nomignoli e altre umanità”; l’ingresso è libero e gratuito fino a esaurimento posti. Il titolo della mostra all’Archivio, in latino significa “un nome, un destino”. Ancora oggi, infatti, si tende a ritenere che il nome che i genitori danno ai figli alla nascita ne condizioni il futuro. Che sia un nome augurale, auspicio di successo e felicità, come nel caso di Felice o Fortunato, o che sia in ricordo di un caro defunto, il nome è legato alla personalità o alla storia della famiglia, svelandone origini e tradizioni. Video Gino Esposito L'articolo

Gli altri video di festival filosofia 2019 sulla persona