Omicidio Torvaianica, Saviano: "Roma, la Terra dei Viceré (dove chi tocca la droga muore)"

"Il delitto di Torvaianica segna l’inizio di una nuova era per la Capitale, l’avvio di un percorso nuovo e tragico", dice lo scrittore Roberto Saviano. "Nella città della politica debole, la pandemia ha fiaccato ogni forma di resistenza e aperto la porta alla mafia. Dopo la crisi degli Spada e di Carminati, a comandare ora a Roma sono i clan albanesi". L'agguato sulla spiaggia piena di famiglie e ragazzini per l'autore di Gomorra è un segnale chiaro: "Non ci saranno prese di posizione politiche, tutto è fisiologico come nei territori di mafia classici". "La Roma della pandemia", conclude Saviano, "è una città fragilissima che le mafie si stanno magiando".

Gli altri video di Cronaca