Immigrazione clandestina, 7 arresti a Napoli: ci sono anche due poliziotti

Quasi 140 permessi di soggiorno "indebitamente concessi". Un'organizzazione che, con la complicità di alcuni ex poliziotti, era diventata - per la Procura di Napoli -  un "agguerrito network criminale specializzato nell'ottenere indebitamente il rilascio o il rinnovo di permessi di soggiorno a favore di cittadini extracomunitari, molto spesso privi dei necessari requisiti di legge, attraverso l'utilizzo di documenti illegalmente ottenuti". Sette arresti, eseguiti nelle prime ore di stamane dal Nucleo di polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza, insieme con la squadra Mobile di Napoli:  tutte accusate di  associazione per delinquere "dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e alla corruzione", di cui facevano parte anche alcuni ex agenti  impiegati presso l'Ufficio Immigrazione della Questura di Napoli.    Tra loro, uno dei promotori e organizzatori del sodalizio criminale risulta essere Vincenzo Spinosa, un ex ispettore di polizia già in servizio presso l'Ufficio Immigrazione, "il quale - per la nota diffusa dagli investigatori - sovrintendeva e coordinava l'intera filiera dei servizi offerti alla clientela".
 
di Dario Del Porto e Conchita Sannino

Gli altri video di Cronaca