Genova, in arrivo la nave delle armi: parla il prefetto Spena

È all'attenzione della prefettura di Genova il caso della 'Bahri Yanbu', nave cargo battente bandiera saudita, finita sotto i riflettori per il probabile carico di armi presumibilimente destinate in Yemen. La prefettura sta acquisendo gli elementi necessari per capire l'impiego della nave e se sia diretta nello scalo del capoluogo ligure per una sosta tecnica o per altri motivi. È quanto si apprende da Palazzo Spinola dopo le polemiche scoppiate nelle scorse ore.
La nave "l'8 maggio sarebbe dovuta entrare nel porto di Le Havre per caricare 8  cannoni semoventi Caesar da 155 mm prodotti da Nexter, ma ha dovuto rinunciarvi per la mobilitazione dei gruppi francesi di attivisti dei diritti umani, contrari alla vendita di armi che potrebbero essere impiegate nella guerra in Yemen", denuncia in una nota la Filt Cgil, annunciando che i portuali intendono boicottare l'eventuale arrivo della navi. Domani alla Sala chiamata del Porto, alle 18 si terrà un'assemblea per decidere le eventuali forme di protesta. Oggi, invece, in prefettura si terrà una riunione per valutare il da farsi.

Gli altri video di Cronaca