Bologna, il barista che resta aperto dopo le 18: "Sono pieno di debiti, rischio di chiudere"

Giorgio Perna non ha chiuso il suo locale, il Bistrot Bonaccorsi di porta Saragozza, ieri sera alle 18. E non lo farà neanche stasera. Appesa al bancone ha la prima multa, di quattrocento euro, comminata dalla Guardia di finanza. “Le appenderò tutte qui in fila - annuncia - io ho aperto il primo di agosto, sono pieno di debiti, se chiudo per un mese alle sei poi chiudo. Qui lavorano diciotto persone”. Quattro sono suoi figli. La famiglia aveva un altro locale, il ristorante la Tarantella di via Zanolini, che non ha più aperto dopo il Covid. “Devono spiegarci perché la sera c’è pericolo di contagio e a pranzo no”, rilancia Perna davanti al cartello "Noi restiamo aperti"

Gli altri video di Cronaca